Inaugurato il MÉCA, il nuovo centro culturale di Bordeaux

Inaugurato il MÉCA, il nuovo centro culturale di Bordeaux

'Inaugurato il MÉCA, il nuovo centro culturale di Bordeaux'

La Maison de l’Économie Créative et Culturelle, progettata dallo studio danese BIG, riunisce tre istituzioni culturali francesi in un’unica sede

Situata in posizione centrale tra il fiume Garonna e la stazione ferroviaria di Saint-Jean, il nuovo centro culturale MÉCA – Maison de l’Économie Créative et de la Culture en Aquitaine, ospita nello stesso edificio il FRAC – il Fondo Regionale dell’Aquitania per l’Arte Contemporanea – l’ECLA – L’Agenzia Culturale per la scrittura, la musica, il cinema e la radiodiffusione – e l’OARA – l’Ufficio Artistico della Regione Aquitania per le arti performative, offrendo alla città e alla regione un nuovo fulcro per la promozione artistica e culturale.

Il progetto, firmato dallo studio di architettura Bjarke Ingels Group insieme a FREAKS freearchitects, come descritto dai progettisti è caratterizzato da “giochi geometrici e linee molto forti” che “gli conferiscono un carattere cinetico”, rendendolo così paragonabile a “una creatura vivente”. Gli spazi esterni, infatti, si presentano come un sistema di rampe e gradini creando la cosiddetta “stanza urbana”, impiegabile anche per installazioni artistiche, concerti e spettacoli dal vivo, favorendo un’interessante ibridazione tra lo spazio pubblico cittadino e l’edificio. Il registro cambia negli spazi interni, dove le finiture scelte rispondono a criteri di versatilità, efficienza e funzionalità. All’eterogeneità del programma funzionale i progettisti contrappongono una sostanziale omogeneità a livello di materiali e soluzioni adottate, con un uso marcato del cemento e dell’alluminio.

"La molteplicità dei flussi e delle funzioni di MÉCA, che accoglie sia gli attori dell'ecosistema creativo regionale da un lato e le attività che godono il pubblico dall'altro, rende l'edificio uno strumento dinamico per stimolare la creazione. BIG ha perfettamente compreso la complessità del raggruppamento di tre istituzioni culturali, la circolazione tra professionisti e il pubblico in generale e l'inserimento dell'edificio a Bordeaux. " spiega Alain Rousset, Presidente del Consiglio Regionale della Nouvelle-Aquitania.

Costruito nell’arco di un triennio, l’edificio è lungo 120 metri e alto 37. Una serie di gradini e rampe portano il pubblico direttamente nella stanza urbana di 1.100 metri quadri all'aperto al centro del MÉCA, creando un'entità porosa per i visitatori che vagano liberamente tra la strada e la passeggiata sul fiume. Un cartello MÉCA alto 7 metri illumina lo spazio con luci a LED bianche, come un lampadario moderno alla scala della stanza urbana. *"La stanza urbana è allo stesso tempo una cornice per le opere d'arte, un palcoscenico per le rappresentazioni, una sala di proiezione per le collezioni dei media e, forse, soprattutto, una stanza aperta per la vita urbana di Bordeaux per invadere e impegnarsi con le arti. Le finestre giganti che si affacciano sulla sala urbana offrono vedute della sala da ballo di OARA e, sul lato opposto, uno specchio inclinato riflette la lobby sottostante. I visitatori stanno quasi partecipando a un'installazione, solo stando lì. Inoltre, grandi gradinate su entrambi i lati dell'edificio invitano le persone a rilassarsi e godere di una vista straordinaria sul fiume Garonna e sulla città. " * Jakob Sand, Partner, GRANDE.

Una scultura in bronzo permanente raffigurante una mezza testa di Hermes dell'artista francese Benoît Maire si interseca con l'ingresso sul lungofiume, invitando i visitatori a riflettere sulla cultura contemporanea della regione. Entrando a MÉCA dal piano terra, è presente la hall dovecon la cava a spirale e il ristorante, arredato con mobili rossi e sedie in sughero progettati da BIG in riferimento alla città conosciuta per il vino. Un periscopio gigante vicino al ristorante e agli ascensori consente ai visitatori di vederele attività che si svolgono nella stanza urbana all'aperto e viceversa, creando un dialogo interno-esterno. Sempre al piano terra, è presente il teatro con configurazioni di sedute flessibili e sistemi acustici ottimizzati. Al piano superiore è ubicato il cinema con 80 postazioni e gli uffici di produzione. FRAC occupa i piani superiori con spazi espositivi alti 7 metri, studi di produzione per artisti, magazzini, auditorium da 90 posti e caffetteria.

La facciata di MÉCA è composta quasi interamente da 4.800 pannelli prefabbricati in calcestruzzo intervallati da finestre di varie dimensioni per controllare la quantità di luce che penetra all'interno e creare un senso di trasparenza. Le lastre di cemento, che pesano fino a 1,6 tonnellate, sono sabbiate con l'arenaria locale di Bordeaux. I granuli gialli per luminosità e calore irradiano l'edificio sotto il sole integrandolo alla città.

L’investimento di 60 milioni di Euro – sostenuto al 94% dalla Région Nouvelle-Aquitaine e per il resto dal Ministère de la Culture – ha dotato la città di un “edificio-icona” che pone in stretta relazione la Garonna con l’intera città. La struttura è la “casa viva e feconda” di tre distinte istituzioni francesi, pronte a fare la loro parte per rafforzare la varietà dell’offerta culturale di Bordeaux. E, di conseguenza, per attrarre visitatori.

Hai bisogno di completare la tua Formazione Professionale?
Acquisisci CFP con i pacchetti in promozione con corsi a scelta di
Formazione Professionista
Pacchetti a partire da 10 CFP per architetti
da 59.57 €

Pacchetti a partire da 8 CFP per ingegneri
da 89.00 €