BIM: l’ente Ospedaliero Ospedali Galliera di Genova è tra le prime

BIM: l’ente Ospedaliero Ospedali Galliera di Genova è tra le prime Committenze pubbliche Italiane BIM oriented

'BIM: l’ente Ospedaliero Ospedali Galliera di Genova è tra le prime Committenze pubbliche Italiane BIM oriented'

Dalla progettazione alla condivisione delle informazioni: i vantaggi del Bim nel caso dell’Ospedale Galliera di Genova

Per l’Ente Ospedaliero Ospedali Galliera di Genova l’utilizzo della tecnologia BIM rappresenta uno strumento dalle molteplici opportunità che vanno dalla gestione della progettazione di un’opera complessa, fino alla possibilità di condivisione di dati e informazioni riguardanti i molteplici aspetti ospedalieri. L’obiettivo perseguito dell’ente nella progettazione del Nuovo Ospedale secondo le metodologie BIM non si limita alla coordinazione dei soli processi costruttivi e manutentivi legati all’edificio, ma trova applicazione anche nella gestione dell’intero ciclo di vita dell’ospedale; l'idea è quella di riuscire a registrare e mantenere dati e informazioni in modo strutturato e omogeneo, attraverso un approccio misurabile, ripetibile e condivisibile tra tutti i settori.

In tale ambito la Struttura Complessa (S.C.) RUP Nuovo Galliera, grazie alla presenza di professionalità specifiche BIM che adottano da diversi anni strumenti interoperabili, ha avviato una sistematica attività di condivisione dei modelli BIM con altre strutture ospedaliere, già a partire dall’ospedale esistente, per poi passare alla gestione del nuovo ospedale.
Lo scopo è quello di giungere ad un Building Owner Operator Model, ossia ad un modello BIM utilizzato come piattaforma digitale interoperabile di registrazione e condivisione dei dati dell’ospedale a diversi livelli di utilizzo a seconda dei settori ospedalieri e dei tool informatici attuali e futuri.

In particolare, nella progettazione del Nuovo Ospedale, la metodologia BIM verrà sviluppata in modo tale da creare un modello che costituisca la rappresentazione digitale parametrica e intelligente dell’edificio dalla quale estrarre e analizzare dati per differenti applicazioni; le diverse utenze (progettisti, ente appaltante, imprese, medici) potranno quindi condividere informazioni, implementare il progetto, gestire i diversi parametri e controllare la componente temporale.
Per conseguire tale risultato la tecnologia BIM verrà sviluppata in diversi punti che riguardano in prima analisi la realizzazione del modello tridimensionale dell’edificio con la tecnica object- oriented e l’identificazione di eventuali criticità progettuali in termini di interferenze prima della fase di cantierizzazione; successivamente verranno pianificate le attività di manutenzione di strutture e impianti e, una volta ultimata la costruzione del nuovo ospedale, verrà attivata la gestione e l’organizzazione dei dati necessari e sufficienti allo scopo di agevolare il facility management fin dalle prime fasi progettuali e realizzative. Durante il ciclo di vita e la gestione dell’ospedale, la condivisione dei modelli BIM e delle informazioni verrà aggiornata e implementata continuamente, inglobando anche altri settori ospedalieri riguardanti gli aspetti direttivi e di controllo, seguendo il principio di aggiornabilità e facilità di consultazione dei modelli condivisi.

Hai bisogno di completare la tua Formazione Professionale?
Acquisisci CFP con i pacchetti in promozione con corsi a scelta di
Formazione Professionista
Pacchetti a partire da 10 CFP per architetti
da 59.57 €

Pacchetti a partire da 8 CFP per ingegneri
da 89.00 €